LE AVVENTURE DI LEO CL.1

Questa metodologia punta alla prevenzione delle difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo, al fine di limitare il ricorso alle strategie dispensative e compensative, impostando anche un lavoro mirato sui comportamenti corretti del gruppo classe, fin dai primi giorni. Il passaggio dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola primaria viene affrontato in modo graduale grazie all’Album dei primi giorni che rappresenta uno strumento indispensabile per testare i prerequisiti, anche metafonologici, perché realizzato in un formato speciale che facilita le prime attività di grafo-motricità. Il metodo presenta il personaggio di albero Leo che entra in contatto con tanti amici animali: l’albero rappresenta la saggezza, gli animali i sentimenti. Insieme vivono diverse avventure centrate sulla scoperta di sé, creando un originale e interessante percorso di alfabetizzazione emozionale guidato da laboratori di ascolto rappresentati in vignette per facilitare l’ascolto e promuovere l’empatia da parte dell’alunno. L’apprendimento della letto-scrittura avviene attraverso il metodo sillabico accompagnato da esercitazioni di metafonologia presenti in laboratori specifici e attività mirate. Il percorso per la corretta impostazione del gesto grafico per la scrittura è affidato al volume Imparo a scrivere bene e prosegue fino in classe terza, grazie alla Grammatica del gesto grafico. L’intero progetto pone attenzione ai differenti livelli cognitivi e alla didattica inclusiva, con verifiche ed esercizi a livelli. In classe terza le mappe di grammatica e di analisi testuale, contenute nei fascicoli ItaMAP e GrammaMAP, aiutano i bambini a memorizzare le nuove conoscenze e ad organizzarle in una visione di insieme. Il Metodo Venturelli viene applicato anche alla Matematica e alle discipline, creando un’innovativa proposta unitaria, coerente, graduale e sistematica che parte dalla concretezza del corpo vissuto per passare gradualmente a concetti astratti. Ampio spazio viene dato ai laboratori, al calcolo mentale e alle attività mirate al lavoro metacognitivo, proposto anche in modalità di apprendimento cooperativo. Non mancano le attività di coding, CLIL, i compiti di realtà e le proposte di Stem che incentivano negli alunni l’applicazione del metodo scientifico sin dalla prima classe.

ProdottiCorrelati